Russell e il giovane Wittgenstein
  SIFA 
http://sifa.unige.it 
Società Italiana di Filosofia Analitica
Italian Society for Analytic Philosophy



SIFA/AISC Conference 

Ma dove hai la testa?/Where is your head at?
Processi mentali, comunicazione e regole Mental Processes, Communication and Rules

Vietri October 2-3 2003

invited speakers:

Cristiano Castelfranchi
Tim Crane 
Michele Di Francesco 
Vittorio Gallese
Ruth Millikan 

PROGRAM (with abstracts)

Alberghi/Accommodation

Come raggiungere Vietri e il convegno
How to get to Vietri and to the conference

PARTICIPANTS (Word document)

Poster (PDF)


La Società Italiana di Filosofia Analitica (S.I.F.A.) in collaborazione con l'Associazione Italiana di Scienze Cognitive (A.I.S.C.) organizza un convegno dal titolo: Ma dove hai la testa? Processi mentali, comunicazione e regole, che si terrà presso l'Istituto Internazionale di Alti Studi Scientifici (I.I.A.S.S.) di Vietri sul Mare (SA) nei giorni 2 e 3 ottobre 2003. 

Ma dove hai la testa? Dove è situata la mente? Qualcuno considererebbe questa domanda priva di senso. Per certi versi infatti la mente non sembra avere una collocazione spaziale ben definita. In questa direzione vanno, ad esempio, quei filosofi esternisti che, a partire da Putnam, ritengono che i significati (oppure i concetti, i pensieri) non siano da situare nella testa delle persone. A conclusioni analoghe era giunto anche Wittgenstein, seppure prendendo le mosse da assunti filosofici ben diversi: in una concezione wittgensteiniana non si può pensare senza prescindere dalle norme di correttezza date dalla comunità linguistica. D'altro canto, nell'ambito dello studio empirico della mente i recenti risultati delle neuroscienze cognitive sembrano radicare più saldamente che mai il pensiero nel cervello, rafforzando, almeno in prima approssimazione, la convinzione popolare che si pensi "con la testa". Ma al tempo stesso quegli scienziati cognitivi che parlano di mente incorporata e di azione situata propendono decisamente verso una concezione estesa, distribuita del mentale. Che ruolo devono avere dunque, nel caratterizzare la mente, la corporeità, l'interazione con l'ambiente esterno, la comunicazione con altri soggetti? E quanto nozioni come pensiero, significato o conoscenza possono essere caratterizzate a prescindere dall'interazione sociale o da aspetti di tipo normativo? 

Alcuni temi di discussione:
 

  • I pensieri sono nella mente?
  • I significati sono nella mente?
  • Internismo contro esternismo
  • Dimensioni cognitive e dimensioni sociali del significato
  • Cognizione e interazione sociale
  • Conoscenza, cognizione e normatività
  • Cognizione situata e incorporata
  • Localizzazione dei processi mentali
  • Il carattere sociale del pensiero

  • Aspetti normativi e descrittivi delle pratiche inferenziali 
    The Italian Society for Analytical Philosophy (S.I.F.A.) in collaboration with Italian Association for the Cognitive Sciences (A.I.S.C.) is organising a conference on Where's your head at? Mental Processes, Communication and Rules. The Conference will be held at Vietri sul Mare (Salerno), International Institute of Advanced Scientific Studies (I.I.A.S.S.), in 2003, October 2-3. 

    Where is your head at? Where is the mind located? According to some views, this question is meaningless. Indeed, in some important respect, mind does not seem to have a well-defined spatial localisation. A similar position is maintained by all those externalist philosophers who, following Putnam's arguments, claim that meanings (as well as concepts, or thoughts) cannot be found in people's heads. Wittgenstein reached similar conclusions, although starting from very different philosophical assumptions: in his view, thought is impossible without taking into account the norms of correctness provided by the linguistic community. On the other hand, in the field of the empirical study of the mind, recent results in the cognitive neurosciences seem to ground thoughts firmly in the brain, thus prima facie reinforcing the popular belief that people think "with their heads". In the meanwhile, however, those cognitive scientists supporting the notions of the embodied mind and of situated action definitely incline to a broad, distributed notion of mind. In characterising the mind, what role should assigned to the body, to interaction with the environment, and to communication with other agents? To what extent such notions as thought, meaning and knowledge be characterised leaving aside social interactions and normative issues? 

    Some Discussion Topics
     

  • Are thoughts in the mind? 
  • Are meanings in the mind?
  • Internalism vs. externalism
  • Social and cognitive dimensions of meaning
  • Cognition and social interaction
  • Knowledge, cognition and norms
  • Situated and embodied cognition
  • Localisation of mental processes
  • The social dimension of thought

  • Normative and descriptive aspects of inferential practice

    COMITATO SCIENTIFICO/SCIENTIFIC COMMITTEE:
    Roberto Cordeschi (Università di Salerno), Massimo De Carolis (Università di Salerno), Annibale Elia (Università di Salerno), Marcello Frixione (Università di Salerno), Alessandro Laudanna (Università di Salerno), Carlo Penco (Università di Genova), Mario Ricciardi (Università di Milano), Guglielmo Tamburrini (Università di Pisa).

    ORGANISATION COMMITTEE:
    Roberto Cordeschi, Maria De Martino, Daniel Donato, Marcello Frixione, Simone Gazzellini, Alessandro Laudanna, Antonio Natale, Teresa Numerico.

    SPONSORSHIPS

    Dipartimento di Filosofia - Università di Genova
    Dipartimento  di Scienze della Comunicazione - Università di Salerno
    IIASS - International Institute for Advanced Scientific Studies - Vietri sul Mare (SA)
    Istituto Italiano per gli Studi Filosofici - Napoli

    http://sifa.unige.it